La bici

Il papà canticchia una cantilena al bambino che gli sorride. Il bambino avrà quattro, cinque anni. Il papà trenta di più. Il vagone della metro è abbastanza silenzioso. A Roma la metropolitana non mi pare più il luogo chiassoso di qualche anno fa. Forse per la paura sottotraccia o per la compagnia muta degli smartphone,... Continue Reading →

Annunci

Il cesso del cuore

È imbarazzante ammettere di aver sbagliato entrata alla metro di Roma. Credevo di avere un automatismo ben oliato e invece no. Per un attimo mi sono sentito perso e in trappola. Ho sbagliato direzione, tutto qui. Dovevo andare verso Barberini e invece sono finito alla banchina per Rebibbia. Potevo riderci su. E invece no. Per... Continue Reading →

La persona sensibile

La persona sensibile comprende il doppio rispetto a chi sensibile non è, soffre il triplo rispetto a chi sensibile non è, gioisce il quadruplo rispetto a chi sensibile non è, si appassiona di fronte al bello il quintuplo rispetto a chi sensibile non è. La sua ferita brucia il sestuplo rispetto a chi sensibile non... Continue Reading →

Intuizione

Florence Scovel Shinn, una scrittrice e illustratrice vissuta all'inizio del secolo scorso, diceva: "l'intuizione è una facoltà spirituale e non spiega, indica semplicemente la via". Mi piace quest'immagine dell'intuizione, come una freccia che ti indica la strada quando ti senti perso in un reticolato di vie. Il dizionario Treccani la descrive come la conoscenza diretta... Continue Reading →

L’alba nell’imbrunire

"Papà, la tua musica è triste". Cosa risponderle? "Hai ragione"? La mia musica, più che triste, è malinconica. Cosa ci posso fare? Sono fatto così. Oggi pomeriggio mi sono fatto una compilation con le canzoni che ascoltavo da ragazzino. Sto sentendo, da almeno venti minuti, una canzone che registrai in una musicassetta al cromo quando... Continue Reading →

Esporsi

Esporsi, dopo un lungo silenzio, ti fa conoscere la realtà. È come aprire una finestra al mattino dopo un temporale notturno. Puoi vedere brutto e decidere di rintanarti ancora un po', ma il sole e il suo calore possono spingerti a uscire. Esporsi vuol dire accettare di essere valutati o giudicati, o boicottati, o esclusi,... Continue Reading →

Il mio libro nel cassonetto

Fra un mese il mio libro compirà tre anni. Credo sia stato utile a molti di voi, spero abbiate percepito la mia sincerità e il desiderio di trasmettere qualcosa che va al di là di una nozione o di una interpretazione univoca di una realtà. Nel libro ho ospitato molte persone, alcune incontrate casualmente, altre,... Continue Reading →

Sogno

Sto scrivendo un nuovo libro. È un giallo psicologico, lo definisco così, ma c'è di mezzo anche una storia d'amore, due storie d'amicizia, un percorso di redenzione. Con la scrittura non ci vivo, dunque, se me lo bocceranno in quanto non centrato in uno specifico genere, non ne farò una malattia. La sua stesura è... Continue Reading →

Testimoni di condivisione

Il piacere e il potere della condivisione... facile a dirsi caro Bruno. Il mondo fa schifo. Apri la porta ed entra a casa tua lo schifo degli altri, storie assurde, sguardi malvagi, soggetti comunque deprimenti, ben che ti vada. Qual è il piacere di accogliere chi sporca il tuo tappeto buono? Si togliessero le scarpe almeno!... Continue Reading →

Ascoltare profondamente le emozioni

Possiamo entrare in ascolto delle nostre emozioni sempre. Quando lo vogliamo. Siamo così superficiali verso le nostre emozioni!  Le semplifichiamo con "sto bene" "sto male" e stop. E siamo molto diffidenti con le emozioni che proprio bene non ci fanno stare. Mi capita di leggere spesso post (che mi innervosiscono alquanto), del tipo "Oggi decidi... Continue Reading →

Amore e ascolto

L'amore è anche dare voce a ciò che l'altro, per svariati motivi, non riesce a comunicare. L'amore è dare voce a un sentimento multiforme che si fonda sulla condivisione. Una condivisione profonda presuppone l'ascolto dell'altro, l'ascolto di ciò che viene sussurrato e anche di ciò che rimane lì, nel limbo tra mente, cuore e gola.

Il pane in casa senza lievito

In tutte le cose che fai, c'è quell'ingrediente lì, proprio quello lì, che le rende buone, condivisibili, utili. Può essere un talento che si esprime in tutta la sua bellezza, una tecnica precisa e testata, un ingrediente che lega le materie prime, o un'emozione che lega le persone, se alla riuscita di quella cosa concorrono... Continue Reading →

I posti sono come persone

I posti sono come le persone. Possono esserti compagni per la vita, compenetrati di qualcosa di sacro; amici, legati da un'intesa profonda e resistente alla lontananza che se li abbracci dopo anni, senti lo stesso calore di sempre; conoscenti, come soggetti piacevoli da frequentare ma niente di più; antagonisti, che più ti avvicini, più di... Continue Reading →

Un cinema e un cielo pieno di stelle

Sono così routinizzato che sgarro massimo di tre minuti. Timbro sempre alle 8,33. Conosco il ritmo del traffico di questa città ormai come il mio respiro. Parcheggio e m'incammino a passo svelto, come ogni mattina, verso il palazzone. Nulla mi distoglie dalla mia marcia. Oggi c’è il sole, stanotte ha piovuto molto. Una macchina sfiora... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: